Canonico Francesco Scioli - Gea Monteroduni

Camminare per riscoprire e conservare i luoghi e le storie

Camminare per riscoprire
e conservare i luoghi e le storie
Vai ai contenuti

Menu principale:

Narrazioni

Canonico Francesco Scioli

Francesco Scioli (Monteroduni, 1829-1911), canonico della parrocchia Colleggiata di San Michele Arcangelo, di idee liberali, si dedicò alla letteratura, alla poesia, alla tragedia, all’omeopatia, alle traduzioni (dal latino, greco e francese).
Appassionato di archeologia preistorica, tanto da godere del titolo di Socio Corrispondente dell’Imperiale Istituto Germanico Archeologico, fu autore di molte opere, tra le quali un trattato sull’omeopatia, “L’Omeopatia per la Intelligenza di tutti, o il Medico di casa” (1880) e una tragedia dal titolo “Alboino” (1861). Scrisse i “Cenni sulla importanza dell’archeologia preistorica”, pubblicati sulla Rivista Italiana di Palermo il 14 aprile 1881 e seguenti (nn. 15-20), su Il Sannio il 13 aprile 1882 e seguenti.
Presentò per l’allestimento del Museo Archeologico Sannitico di Campobasso, nel 1881, tre schemi grafici relativi al territorio di Monteroduni, suddivisi in Età della pietra, Età sannitico-romana, Età medievale.

LA CARTA ARCHEOLOGICA DEL CANONICO SCIOLI
Carta archeologica canonico Scioli
La carta archeologica del territorio di Monteroduni redatta dal canonico Francesco Scioli (1829-1911).
UN VULCANO NELLA PIANA
Canonico Scioli
Questa interessantissima planimetria, che tra l'altro ipotizza la presenza di un vulcano nella piana di Monteroduni, fu elaborata nel 1882 dall'eclettico canonico Francesco Scioli (1829 - 1911).

Planimetria ritrovata dall'arch. Franco Valente presso l'archivio della famiglia D'Appollonio di Isernia.
CARTEGGIO CANONICO SCIOLI-PIGORINI
Carteggio canonico Scioli-Pigorini
Presentazione del carteggio tra il canonico Francesco Scioli (1829-1911) e il padre della paletnologia italiana Luigi Pigorini (1842-1925) riguardante il passato preistorico di Monteroduni.

Da Archeomolise, n.14, gennaio/marzo 2013.
RINVENIMENTI DEL NEOLITICO
Rinvenimenti del neolitico nel Comune di Monteroduni
Notizia del rinvenimento fatto dal canonico Francesco Scioli (1829-1911) di uno scheletro umano con pugnale di selce apparsa su "Bullettino di Paletnologia Italiana", Vol. VII, anno 1881.
TOMBE NEOLITICHE
Tombe neolitichei nel Comune di Monteroduni
Articolo dell'importante paletnologo Luigi Pigorini (1842-1925), fondatore della 1^ cattedra di Paletnologia dell'Università di Roma, apparso su ""Bullettino di Paletnologia Italiana", Vol. XIII, anno 1887, riguardante le tombe neolitiche scoperte dal canonico Francesco Scioli.

Gea Monteroduni

Gea Monteroduni - Largo Cicogna, 2 - 86075 Monteroduni (IS)  
© 2010 - 2017 Gea Monteroduni (Gruppo Escursionisti dell'Ariola)
Torna ai contenuti | Torna al menu