Archeologiche - Gea Monteroduni

Camminare per riscoprire e conservare i luoghi e le storie

Camminare per riscoprire
e conservare i luoghi e le storie
Vai ai contenuti

Menu principale:

Narrazioni

Archeologiche

INTRODUZIONE
 INTRODUZIONE

Presentazione della presente pagina.
I BIFACCIALI DI MONTERODUNI
Archeomolise I bifacciali di Monteroduni
Gli scavi in località Guado S. Nicola condotti nel 2008 da una equipe dell'Università di Ferrara guidata dal prof. Carlo Peretto in un sito di età acheuleana.

Da Archeomolise, n.1, luglio/settembre 2009.
I BIFACCIALI A GUADO S.NICOLA
Bifacciali a Guado S.Nicola
Pubblicazione del prof. Carlo Peretto ed altri dell'Università di Ferrara sul sito di età acheuleana di località Guado S. Nicola.
Annali dell'Università di Ferrara, 2014.
SITO DELL'ETA' DEL BRONZO DI LOCALITA' PARADISO
Sito dell'età del brozo di località Paradiso
Articolo tratto dalla rivista semestrale della Direzione Regionale per i Beni Culturali del Molise "Conoscenze", n. 1-2, anno 2005, sugli scavi condotti dal 2002 al 2004 nel sito paleolitico di contrada Paradiso.
SITO DELL'ETA' DEL BRONZO DI LOCALITA' PARADISO
Archeomolise Carteggio canonico Scioli Pigorini
Articolo sugli scavi del sito Paradiso condotti tra il 2002 e il 2007 dall’Università La Sapienza di Roma, cattedra di Paletnologia, in collaborazione con l’Università di Foggia.

Da Archeomolise, n.4, aprile/giuglo 2010.
I RINVENIMENTI LAPIDEI ROMANI DI CONTRADA PARADISO
Le lapidi romane di contrada Paradiso
In contrada Paradiso–Camposacco sono stati rinvenuti, e si rinvengono, epigrafi di grande interesse e resti lapidei (colonne, trabeazioni, fregi) di importanti costruzioni di epoca romana che sorgevano nella zona, certamente riferibili a un vicus rusticus ivi esistente.
IL MITO DI EUROPA IN UN ANTICO BASSORILIEVO IN AGRO DI MONTERODUNI
Tremulae sinuantur flamine vestes
Tremulae sinuantur flamine vestes...

Articolo dell'arch. Franco Valente sui bellissimi bassorilievi  di  località Castagnete.
AD ROTAS, ROTAE O CLUTURNO. QUALE IN CONTRADA PARADISO?
ad rotas, rotae o cluturno
La statio di Ad Rotas della Tavola di Peutinger e il vicus rusticus di contrada Camposacco-Paradiso (è Rotae o Cluturno?).
LA COLONNA MILIARIA DI MONTERODUNI
La colonna miliaria di Monteroduni
Importante rinvenimento avvenuto in contrada Paradiso Camposacco, oggi conservato presso il Museo di Santa Maria delle Monache a Isernia.
LA TROVAGLIA DI MONTERODUNI
La trovaglia di Monteroduni
Pubblicazione dello studioso monterodunese Mosè Ferretti che riporta la notizia del ritrovamento in località Paradiso, nel 1843, di un vaso contenente un migliaio di monete risalenti al periodo bizantino, di cui 63 sono oggi conservate in Germania in una non meglio specificata raccolta reale.
ACQUEDOTTO IPOGEO DI LOCALITÀ GROTTE
Acquedotto ipogeo di localita Grotte
Rinvenimento ed esplorazione dell'acquedotto ipogeo di località Grotte a servizio di una villa rustica romana.

Articolo tratto da "Speleologia", n.38, anno 1998, rivista semestrale della Società Speleologica Italiana
I RECINTI DI COLLE PENNACCHIO
I recinti di Colle Pennacchio
I recinti delle eccezionali dimensioni di circa 150x60 metri presenti proprio in corrispondenza della sommità di Colle Pennacchio.
Cosa sono?
IL VILLAGGIO DI COPPETELLE E LA CHIESA DI S. GIOVANNI DI COPPETELLE
La chiesa di S. Giovanni di Coppetelle e il villaggio di Coppetelle
Sulla chiesa di S. Giovanni di Coppetelle (o S. Giovanni de Cupellis) e del circostante villaggio di nome Coppetelle (o Cupelle) presente nell’agro di Monteroduni al finire del periodo altomedievale.
IL VILLAGGIO DI CAMPOSACCO E LA CHIESA DI S. JOHANNIS DI CAMPOSACCO
IL VILLAGGIO DI CAMPOSACCO E LA CHIESA DI S. JOHANNIS IN CAMPOSACCO
Sulla chiesa di S. Johannis in Camposacco e del circostante villaggio presente nell’agro di Monteroduni al finire del periodo altomedievale.
Nell’immagine il Privilegio di papa Lucio III a Rainaldo vescovo di Isernia del 1182, di cui è conservata una copia del 1625 presso l’Archivio Capitolare di Isernia.

LA TRICORA A PONTE LATRONE
S. Maria a Ponte Latrone
Articolo dell'arch. Franco Valente sulla tricora benedettina di Ponte Latrone.

*Per gentile concessione dell'Autore, che ringraziamo.
CAMPO LA FONTANA: UNA TRICORA DEL TARDO VIII sec. d.C. E PONTE LATRONE
CAMPO LA FONTANA: UNA TRICORA DEL TARDO VIII sec. d.C.  E PONTE LATRONE
Importante studio di Richard Hodges, lo scopritore di S. Vincenzo al Volturno, sulla tricora e sul ponte Latrone.
Da: Papers of the British School at Rome, volume 58, novembre 1990, pagine 273-297.

N.B. - Alla fine del documento in inglese è riportata la traduzione in italiano.

PONTE LATRONE
Ponte Latrone
Importante studio di Domenico Caiazza, eminente esperto della storia dell'area matesina,  su Ponte Latrone e sulla Tricora.
Da “Atti del 1° convegno di studi sulla storia delle foranie della Diocesi di Isernia-Venafro”, Capriati a Volturno, 1994.

* Per gentile concessione dell'Autore, che ringraziamo.
L'ENIGMA DEI 2 PONTI
Ponte dei 25 Archi, ma anche Ponte Latrone
"Risulta un fatto anomalo che in nessun testo letterario, documento o iscrizione, dall'antichità ad oggi, sia fatta una sola menzione a una infrastruttura viaria di così alto riievo...".
Da Paolo Nuvoli, La tabula di Peutinger in area sannitica, Edizioni VITMAR.

* Per gentile concessione dell'Autore, che ringraziamo.
S. MARIA IN ALTISSIMIS
S. Maria in Altissimis
Permanenze architettoniche benedettine dell'VIII - IX secolo, degli arch. Francesco De Vincenzi e Davide Monaco.
S. MARIA IN ALTISSIMIS: ANALISI STORICA E STRUTTURALE
S. Maria in Altissimis
Interessantissima tesi di laurea della dott.ssa Isabella Santillo contenente analisi del territorio, delle fonti storiche, delle fonti archivistiche e delle strutture murarie esistenti.
L'ACQUEDOTTO DI CONTRADA LAME
L'acquedotto delle Lame
Sull’antico acquedotto di località Lame
SCAVO IN LOCALITÀ SOCCE – 2001/2002
Scavo In Località Socce – 2001/2002
Relazione degli scavi del 2001 e del 2002 in località Socce, ad opera della prof.ssa Letizia Ermini Pani, cattedra di Archeologia medievale, Università di Roma La Sapienza, assistente allo scavo dott. Michele Raddi.
TESTIMONIANZE LONGABARDE: L’ECCLESIA BAPTISIMALIS DELLE SOCCE
Testimonianze longobarde
Il complesso religioso di carattere rurale del VI-VII sec., con la vasta area funeraria e la vasca battesimale rinvenuto nel 2002 dall’archeologo Michele Raddi in località Socce.

* Per gentile concessione dell'Autore, che ringraziamo.
L'ALTA VALLE DEL VOLTURNO
Archeomolise L'alta valle del Volturno Raddi
Interessante articolo dell'archeologo Michele Raddi sugli scavi condotti nel 2000 in località Socce che, tra l'altro, portarono alla luce un complesso religioso di carattere rurale che riutilizzava le strutture di una precedente villa rustica romana.
Da Archeomolise, n.1, luglio/settembre 2009
LA VILLA ROMANA DI LOCALITÀ GROTTE
la villa romana di località grotte
La relazione allegata al decreto ministeriale di vincolo archeologico di località Grotte, relativa ai saggi ivi effettuati nell’ottobre 1989 che portarono alla scoperta di una villa romana di “rilevantissime dimensioni”.
Per gentile concessione della Soprintendente all’Archeologia del Molise Dott.ssa Diletta Colombo, che ringraziamo.

Gea Monteroduni

Gea Monteroduni - Largo Cicogna, 2 - 86075 Monteroduni (IS)  
© 2010 - 2017 Gea Monteroduni (Gruppo Escursionisti dell'Ariola)
Torna ai contenuti | Torna al menu